You are here: Home » i Bambini » Scuola calcio: solidarietà a Parigi

Scuola calcio: solidarietà a Parigi

A dieci giorni di distanza dai tragici fatti di Parigi, gli amici della scuola calcio Atletico Maurizi (Artena) ci hanno raccontato come hanno voluto esprimere la loro solidarietà al popolo francese e a tutte quelle persone che piangono le vittime del terrorismo. E allo stesso tempo hanno ribadito la loro libertà di giocare e divertirsi in compagnia, senza che nessuno possa mai impedirlo. Ecco cosa ci hanno raccontato…

Come ogni lunedì, abbiamo iniziato la seduta di allenamento con un discorso mister-bambini. Ma quello era un lunedì particolare, il 16 novembre, il primo allenamento dopo gli attentati.

“Ciao ragazzi…tutto ok?? Siete andati a scuola?? Fatti i compiti?? …a casa tutto bene??”
“Si si mister tutto ok…però non so se mercoledì potrò partecipare all’allenamento…”
“Perché?? Sai già che avrai la febbre?”
“No nooo mister…è che c’è il terrorismo dell’isis e forse è meglio non uscire. Sai, stanno facendo gli attentati. Hanno iniziato a Parigi, che è in Francia, ma poi arriveranno anche da noi!!!” 

Sono state queste le parole pronunciate da qualche bambino…e queste parole hanno fatto scattare nelle nostri menti (mister Roberto e Jacopo) i tanti interrogativi e perplessità, ma soprattutto ci siamo domandati: i nostri piccoli, come vivono questa vita? Quali pensieri invadono la loro piccola testa? E in famiglia? Come reagiscono a questi avvenimenti?
Così abbiamo deciso di organizzare un evento, con lo scopo di esprimere affetto a tutte quelle persone che soffrono e piangono le vittime del terrorismo. Il tutto condiviso (entro i giusti limiti) con i bambini. Abbiamo coinvolto le famiglie dei nostri allievi, e così sabato scorso, presso il campo sportivo di Artena, ci siamo ritrovati e nel nostro piccolo (e a modo nostro) abbiamo cercato di dare il nostro contributo.
Abbiamo organizzato una partita tra bambini del gruppo 2007 e i loro genitori: all’ ingresso in campo ogni bambino, accompagnato dal suo genitore, portava con se un palloncino bianco con scritta una frase. Ci siamo messi in cerchio a centrocampo e abbiamo fatto un minuto di silenzio per ricordare chi ha perso la vita. E alla fine abbiamo fatto volare i palloncini nel cielo, il tutto seguito da un lungo applauso.

La società ci tiene a ringraziare tutti coloro che hanno partecipato a questa iniziativa.

parigi-cerchio            parigi-scritta

Parliamo sempre di campo, di campo e di campo. Ma spesso non ricordiamo che la scuola calcio, prima di insegnare calcio, è un primo ingresso nella vita sociale: deve aiutare a imparare come relazionarsi con gli altri, come interagire e come reagire.
E’ questo il motivo che ci ha spinto a pubblicare le parole dei componenti della scuola calcio Maurizi Atletico, che, se pur nel loro piccolo, hanno cercato di sensibilizzare la gente del posto su un tema così delicato, e sicuramente hanno anche spiegato ai loro allievi cosa sta succedendo nel mondo, ovviamente nel modo più opportuno, prima che pensieri non corretti finiscano nella testa di qualche ragazzino.
Noi ringraziamo la società Atletico Maurizi per averci dato la possibilità di rendere pubblica questa iniziativa.

 

parigi-1